La Parola di Dio

“Qual è il primo di tutti i comandamenti?”. Gesù rispose: “Il primo è: Ascolta, Israele. Il Signore Dio nostro è l’unico Signore…” ( Mc 12, 28)

Una rinnovata effusione dello Spirito Santo esige e, al tempo stesso, produce un rinnovato ascolto della Parola di Dio, quindi di Gesù stesso, perché il Verbo è la persona stessa di Gesù.

L’ascolto è un grande carisma che Dio dona a chi, svuotandosi di ogni pensiero umano e nel “silenzio” del proprio cuore, si fa colmare del Suo amore; diventa “profeta” chi ha uno spiccato dono d’ascolto e lo trasmette, esercitandolo con la preghiera e con il proprio modo di vivere.

Così chi profetizza ha una forte responsabilità in quanto edifica, esorta e porta conforto all’assemblea; non a caso dalla parola profetica che Dio suggerisce nasce, si radica e si alimenta il cammino di una comunità cristiana.

Anche in noi con l’effusione dello Spirito Santo, viene rinnovato il dono della Grazia di un cuore aperto all’ascolto della Parola.

E dobbiamo ispirarci proprio all’esperienza di Maria, la madre di Gesù che, docile allo Spirito, non lascia cadere nessuna delle parole del Figlio e nel Suo cuore non oppone ostacoli perche’ la Parola diventi carne, vita vissuta, vita offerta.

Grazie all’esperienza vissuta della Parola di Dio e all’ascolto di ciò che Gesù vuole dirci nasce in noi il desiderio di approfondire lo studio della Sacra Scrittura, ma non per prenderne conoscenza come di una scienza umana, piuttosto per sentirci eredi e responsabili di questo patrimonio divino per noi e per i nostri fratelli. Che la Parola di Dio diventi dunque il nostro pane quotidiano; è con essa che si alimenta la nostra fede, è con essa che affrontiamo la nostra crescita spirituale all’interno della comunità e ci predisponiamo a vivere a pieno il progetto di salvezza che Dio ha per ciascuno di noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.