La mia Vita Appartiene a Dio (Giuseppe da Vieste)

L’incontro nazionale dei giovani  che si è svolto a Roma è stato per me un momento molto importante. In quei giorni è stata portata a termine una guarigione spirituale da tutto quello che negli anni mi ha fatto dubitare ed ha ostacolato il mio cammino. Ho sentito veramente il bisogno, nonostante la mia timidezza, di dover testimoniare quello che il Signore ha fatto per me, e da cosa il Signore mi è venuto a liberare e guarire.

In tutti questi anni ho avuto forti tentazioni, ho sofferto di depressione, malesseri sia fisici che mentali, ho attraversato un periodo in cui non volevo più vivere perché mi sentivo inutile, non accettato, diverso dagli altri ragazzi e completamente solo, fino al punto di cercare e desiderare un modo per smettere di soffrire a tutti i costi.

Si, volevo togliermi la vita, senza pensare ai miei cari, per non sentire più quel tremendo dolore al cuore che per diverso tempo mi aveva accompagnato. Ma il Signore mi ha fatto capire, quanto mi ama e quanto false erano queste mie sensazioni che mi facevano stare male e in un attimo ha svelato quanto grande fosse l’inganno del diavolo che ogni giorno mi ripeteva: Giuseppe, la tua unica soluzione è la morte. Dopo alcuni momenti di preghiera personale  e comunitaria di liberazione, tutti i pensieri sbagliati, i momenti di non vita e di solitudine che turbavano il mio essere, si erano dissolti, lasciando spazio all’amore di Dio, al desiderio e alla voglia di vivere. Ora c’è Giuseppe che desidera vivere, con la consapevolezza di non essere più solo, di non essere sbagliato e che la mia vita appartiene a colui che me l’ha donata. Grazie Gesù perché mi hai salvato!

Giuseppe da Vieste

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.